Ciao! mi chiamo Michele

sono architetto, content creator e eco-maker, mi definisco un designer interdisciplinare

Tanto nel lavoro quanto nella vita, intreccio le radici di una formazione nella progettazione grafica, architettonica, urbana-naturale con la passione per la comunicazione, l’interesse verso l’human centered design, la predilezione da problem solver e l’animo da essere umano motivato a minimizzare la propria impronta ecologica.

Lui è sempre poldo

Formazione

MASTER FUTURO VEGETALE

Piante, Innovazione sociale, Progetto

Previsto in presenza una volta a settimana a Firenze nella suggestiva Villa Bardini, fattivamente seguito online a causa della pandemia, il master che ho seguito è stato rivelatorio sotto molteplici punti di vista.

Un percorso di studio che spazia dalle strategie del mondo vegetale, alle dinamiche sociali e della progettualità dello spazio fisico a scale diverse, il tutto in una prospettiva di integrazione interdisciplinare per la soluzione di problemi complessi.

Un’esperienza aperta a chiunque voglia porsi domande per formulare proposte realmente innovative, in cui le diversità sono la miccia per un’esplosione di creatività.

Laurea Magistrale in Architettura e Culture del Progetto

Design a differenti scale spesso interconnesse, dall'urbano-territoriale all'intimo bagno microscopico di un ipotetico artista veneziano

Penso che il progetto di tesi sia esplicativo del traguardo raggiunto durante l’esperienza universitaria.

Numerose nottate davanti ad un 15″ per chiudere l’ultima tavola, tanto mia quanto quelle degli altri, confluite in una un progettista interdisciplinare che, contrariamente alla figura dell’archistar,

  • si occupa di problemi sociali, ambientali, con e per la comunità in cui interviene.
  • rivolge particolare attenzione al comunicare chiaramente la propria idea per il coinvolgimenti di tuttə nel processo ideativo
  • è consapevole del mondo che lo circonda e ci scende a prender do ombre.

Il progetto di tesi indaga la possibile ricostruzione di un villaggio nonché di una regione della Siria, inserendosi in un contesto più ampio di ricerca che esplora le opportunità per la riattivazione del processo economico e culturale dopo il conflitto siriano tutt’ora in atto.
Per arrivare a ciò, nel contesto della mezzaluna fertile, è fondamentale pensare alla riattivazione della produzione agricola che implica disponibilità di acqua: il progetto tratta sia la riconfigurazione del tessuto urbano nella zona limite tra verde e deserto, sia il ridisegno e la riprogettazione del contesto agricolo.

Il design mutevole delle uniche opere ipotizzate nell’area fertile del territorio nasce come risposta al problema dell’evaporazione dell’acqua nei canali, sempre esposti al sole, e alla notevole quantità di macerie da smaltire, nonchè una comunità economicamanete al collasso.

La progettazione di una copertura esile e durevole diventa così un’occasione per molteplici soluzioni: a quota zero funge da copertura dell’acqua nei canali, mentre se rialzata su terrapieni realizzati dando nuova vita alle macerie, diventa lo strumento ombreggiante di spazi funzionali alle attività di produzione locali.

diploma in grafica e comunicazione

Idea, progetto e sviluppo di grafiche 2D e 3D

Indirizzo scelto perché non mi sentivo pronto per la conoscenza dei licei, ma anche poiché – ripensandoci – cresceva in me la necessità di esprimermi con forme differenti dalla scrittura: si è rivelata una scelta grandiosa.

  • Qualche anno dopo ho capito che probabilmente avevo imparato poco della famigerata Cultura di base, ma ci sto lavorando;
  • ho imparato a vedere colori, forme, tipografie, composizioni, contrasti, quali contenitori di numerosi significati a seconda di chi li osserva;
  • ho sfoggiato del talento nascosto nel beer-pong;
  • mi sono fatto sedurre dalla Santa trinitAbobe (Illustrator | Photoshop | Indesign) che tutt’ora accompagna molti dei miei progetti.

L’indirizzo che ho seguito è partito lo stesso anno in cui ho iniziato: bello eh? Sì, anche a me ha entusiasmato per quasi cinque anni. Poi un bel giorno dell’ultimo anno mi sono confrontato con una classe del secondo anno:
alla loro età scrivevo i bigliettini su paint, loro con la stessa destrezza impaginavano poster e riviste. Grazie pubblica istruzione!

Desideri conoscermi meglio?

Ti lascio il mio C.V. magari ci trovi qualcosa di interessante! ✌

Ancora qua? grandeee! Per la tua tenacia ti regalo una lettura tutta home-made